Progresso ovvero avere 17 anni nel 2008

L’hard disk di un mio amico (perché io non scarico illegalmente file protetti da diritto d’autore, ovviamente) è pieno di mp3 da 1 minuto, 1.03, 0.57, 1.24… Non così tanti, ma ci sono. Ogni tanto suo fratello se li mette nell’iPod e poi, dopo qualche giorno, protesta: “Che cazzo, hai le canzoni incomplete!”
Si tratta di canzoni scaricate tra il 2000 e il 2001, quando questo mio amico non aveva ancora fatto la maturità, suonava (male) la chitarra in un gruppo e utilizzava Napster. Per la precisione usava la versione Beta5, di Napster, quella che ha diffuso il p2p in gran parte dell’universo mondo. Allora, come molti spero ricordino, Internet era solo a 56k, e i download, una volta interrotti, non si potevano riprendere. Perciò capitava di stare una mezz’oretta attaccati al pc, tenendo occupato il telefono di casa, per scaricare, un fottuto kilobyte alla volta (4 quando andava bene), la canzone che il gruppo aveva deciso di fare e di cui il mio amico aveva bisogno di sentire almeno un paio di schitarrate. Fatalmente, ad un certo punto, il povero cristo da cui stava scaricando la canzone si staccava e andava a letto, nonostante gli imploranti messaggini in inglese che il mio amico gli mandava, e lui restavo coi suoi 57 secondi. Napster Beta9 introdusse la funzione “resume”, ma non funzionò mai: bisognava ribeccare on line esattamente lo stesso utente, circostanza probabile come un Veltroni che passa per la cruna di un ago.
Perciò il mio amico ci fece l’abitudine: in 57 secondi, spesso, ci stanno un’intera strofa e magari il ritornello. Poi il resto si improvvisa, una volta capito come funziona.

Passarono gli anni, il mio amico attraversò l’epoca di Gnutella, Kazaa, Morpheus, Soulseek, Emule. Ma se questo mio amico avesse un gruppo adesso sarebbe tutto diverso. Esiste Songza, motore di ricerca in grado di trovare (ma non di far scaricare, ovviamente) qualsiasi canzone disponibile on line, attingendo agli archivi di Youtube e di altri siti del genere. Si digita il nome, e la canzone parte, senza fatica. Sempre con la pappa pronta, ‘sti giovani d’oggi.

7 risposte a Progresso ovvero avere 17 anni nel 2008

  1. lussu scrive:

    se per questo esiste anceh
    http://www.pandora.com/

  2. masaccio scrive:

    Conosco Pandora, ma è un’altra cosa, più simile a Last.fm che a Songza. Qui non si parla di radio o di aggregazione dei gusti: semplicemente come motore di ricerca è mooolto più efficiente. Prova a cercare “Pierangelo Bertoli” su Pandora e poi su Songza.

  3. scriptabanane scrive:

    ma perchè cercare pierangelo bertoli, dico io!

    (che poi mi sta anche simpatico, tra l’altro)

  4. matt scrive:

    pazzesco mi ha trovato perfino fausto amodei

  5. matt scrive:

    tra l’altro ho appena scoperto che Amodei fu parlamentare del PSIUP, compagno di un certo Emilio…

  6. masaccio scrive:

    @matt
    Certo che ti trova Amodei. Anche se quello andrebbe cercato su Youtube, dove c’è il video in cui canta al matrimonio della figlia…

    @scriptabanane
    Perché se c’è il cantautore più sottovalutato della musica italiana, c’è tutto.

  7. matt scrive:

    grande masaccio per il suggerimento, video fantastico

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: