Giusto per non abituarsi

Scrivo questo post non tanto per fare dei commenti, quanto per non far passare in silenzio, il fatto che ieri la CEI ha dato indicazioni su come debba essere la legge elettorale. E’ pazzesco, e queste ingerenze quotidiane stanno diventando normali anche per chi ha un minimo di senso civico.

A proposito di legge elettorale. Beppe Grillo dice che pubblicherà i nomi degli eletti una settimana prima delle elezioni. Bella scoperta. Ma questo non è certo colpa del Porcellum. Lo stesso si potrebbe fare con il maggioritario e in parte anche con un proprzionale con preferenze. Contento lui che nel frattempo lancia il farneticante invito a non votare, facendo credere che tanto sono tutti uguali, anche quelli che nei consigli comunali invocano il nazismo e quelli che invece provengno da formazioni che il fascismo l’hanno combattuto per creare un’Italia democratica. Ma che gliene frega a Grillo del fascismo? Lui il 25 aprile, che non è più giornata della liberazione, ma V-day, sarà a combattere per un’informazione libera, con tanta felicità dell’ANPI. Per esempio chiederà di eliminare i finanziamenti pubblici ai quotidiani. Bene che si sappia: Grillo chiede quindi che piccoli giornali indipendenti come Il manifesto chiudano, mentre giornali come Il giornale, finanziati da chi ha i soldi possano continuare a stare in edicola. Perfino il Corriere che lui critica ogni giorno e vive soprattutto di pubblicità. La domanda è: ci è o ci fa?

Io per sdrammatizzare tutto ciò vado qui.

2 risposte a Giusto per non abituarsi

  1. dedalus scrive:

    il fatto scandaloso è, certo, che la CEI ha dato indicazioni su come debba essere la legge elettorale. ancora più scandaloso è che la CEI dia indicazione sulla riforma elettorale dopo averla affossata nel momento in cui era più giusto, e ragionevole, farla. questa è politica della peggior specie, e per di più fatta da chi dovrebbe occuparsi di anime e non di voti. allucinante!

    che Grillo stia esagerando mi sembra del tutto evidente. e la coerenza, mi sembra altrettanto evidente, non è certo la sua qualità principale. lui e il suo popolo infatti andranno a votare, voteranno per le loro liste civiche (altrimenti non si spiega la loro esistenza). ma se, per quanto riguarda le amministrative, voteranno le liste civiche, cosa voteranno alle politiche?

  2. lussu scrive:

    di pietro?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: