Tira più un pelo di…

Il sesso funziona sempre, si sa. Quasi come la gioventù. I lettori italiani, soprattutto dei quotidiani on line, sono impiegati di mezza età avidi di letture torbide e carne fresca. Metti lì una bella ragazza, racconta che ha fatto un po’ di festa e ha scopato un po’ in giro, e gli accessi schizzeranno in alto come le erezioni dei suddetti lettori frustrati nei sogni delle loro insoddisfatte compagne.

Ma non basta, bisogna arricchire. Il caso di Meredith ce l’ha insegnato: la vita dei giovani italiani è torbida e dissoluta, basta giocare un po’ con i dettagli e la storia più normale diventa un romanzo d’appendice di fine ‘800.

E così Repubblica.it, raccontando della ragazza dell’Alta Padovana scomparsa a Barcellona, riesce a inserire le seguenti parole: gaudenti, bevute, canne (2 volte), sesso, fare l’amore, strafatta, sballa, alcool, ballare, spogliarello. Se si aggiunge il richiamo in prima pagina, abbiamo per la terza volta canne, e soprattutto un improbabile champagne (in Catalogna al massimo si berrà cava), che non c’entra niente ma fa tanto tabarin a Parigi nella belle epoque, che è più o meno l’epoca a cui è rimasto ancorato l’immaginario dei redattori di Repubblica.it.

Non so se ci rende conto del meccanismo: questa ragazza era in ferie con una sua amica, è uscita una sera a far festa, ha bevuto, si è fatta qualche canna e si è (addirittura) appartata con un tipo. Che storia originale, eh? Che vita dissoluta…

Non mi sto nascondendo dietro a un dito: la storia c’è, questa qui è scomparsa, è chiaro che la notte che ha passato prima di sparire sia importante e che quindi vada ricostruita. E se la notte è una notte di festa, peggio per lei. Che poi, probabilmente, sarà pure una ragazzina di provincia mai uscita da San Giorgio delle Pertiche che crede di poter fare la figa in Spagna solo perché è estate senza rendersi conto che non è al baretto di Arsego o di Villa del Conte e che quelli che rimorchia non sono ragazzotti del paese di cui tutti sanno vita, morte e miracoli. Insomma, a prescindere da come andrà (e ovviamente si spera che vada bene), questa qua può anche averci messo del suo. Non la conosco, anche se abita a pochi chilometri da casa mia.

Ma in ogni caso non merita questo. Non merita che i suoi genitori e tutto il paese leggano 3 volte su Repubblica.it che lei si fa le canne, né che si è appartata in spiaggia con il vitellone di turno. Mica dico che non vanno date le notizie. Dico che qui non si parla di notizie, ma di una degenerazione perversa e disgustosa dell’ossessione per la storia che pervade il giornalismo contemporaneo. Non è importante che qualcuno abbia davvero recuperato più dettagli possibile sull’ultima notte di Federica, magari il nome del locale è sbagliato e il ragazzo uruguaiano in realtà è di Canicattì. L’importante è che ci sia modo di imbastire un bel racconto, di far annusare al lettore annoiato e sessualmente frustrato di cui sopra un po’ di carnazza, un po’ di sudore salato da spiaggia, un po’ dell’aria da gioventù godereccia e spensierata che non ha mai respirato nella sua miserabile vita.

Non mi scandalizzo, nessuno si scandalizza: in Italia nessuno legge i giornali, bisogna inventarsi di tutto. E pure il sottoscritto, probabilmente, si sarebbe appassionato alla storia raccontata così, se non si trattasse di una persona che solo per caso non conosce, che molti intorno a lui conoscono e che condivide un ambiente che è, più o meno, il suo. Ma il caso è questo: tutta San Giorgio delle Pertiche, nonna Squarise compresa, sta leggendo che Federica si fa le canne e, ogni tanto, d’estate, quando le va, la dà via in libertà. Non c’è niente di male, sono d’accordo. Però se ci impegnassimo tutti a non farla sembrare miss depravazione 2008 ma una normalissima ventitreenne dell’Alta Padovana, sarebbe meglio. Magari ne nascerebbe un’Italia meno bigotta. Un’Italia in cui non è una notizia se è una ragazza beve un bicchiere di vino, si fa una canna o scopa in spiaggia. Barcellona, l’estate, le ferie… Ci si aspettava che studiasse meccanica quantistica?
Un cane ha morso un uomo, stop.

7 risposte a Tira più un pelo di…

  1. Dreamer scrive:

    non lo seguo spesso perchè alla mia salute ci tengo,ma non penso passerà molto tempo prima che il buon Bruno Vespa si masturbi in seconda serata mentre racconta la vicenda. La sfortuna di questa ragazza è poi di essere una normalissima ragazza di provincia,perchè se fosse stata ricca i provincialotti spara-sentenze le avrebbero dato l’attenuante generica del “così si finisce ad aver troppi soldi” e invece vista come una di loro che s’è concessa il lusso di andarsi a divertire invece di lavorare in ginocchio sui ceci andando a letto alle 7.30,come d’altronde fanno tutti i giovani d’oggi, si beccherà la vagonata di merda che le spetta per la sua condizione di ragazza normale.

  2. zaphod scrive:

    ora non vorrei sembrare morboso, ed il tuo post ha senso in entrambi i casi, ma a me sembra non si capisca se abbia scopato o no. cioè l’articolo comincia con “Una serata fatta di amicizia, grandi bevute, molte “canne” e un po’ di sesso.”
    Solo che nel seguito a fare sesso è la sua amica e lei boh.
    Proprio un bello sputtanamento.

  3. masaccio scrive:

    Zaphod, penso che questo sia stato l’argomento dell’interrogatorio a cui è stato sottoposto l’uruguaiano… E che interessi alla polizia mi pare plausibile. Che debba interessare a Repubblica.it un po’ meno.

  4. zaphod scrive:

    intendi “el gordo”???

    si cmq ero d’accordo con te, forse non si era capito, intendevo dire che repubblica ha fatto pensare che sia stata tutta una scopata generale, mentre non è per niente un fatto certo.

  5. matt scrive:

    anche malastampa.blogspot.com prende di mira l’articolista di repubblica, e le sue allusioni infondate. certo che non in ogni località turistica di mare muoiono in un week-end muoiono tre ragazzi e ne sparisce una quarta.

  6. masaccio scrive:

    Ma sì, infatti indaghiamo, indaghiamo pure. Il problema è che per indagare bisogna andare là, parlare in giro, conoscere quello di cui si scrive. Mentre parlare di “droga tagliata male” (ma come, non erano “canne”?!) dalla comoda poltrona girevole di una redazione è moooolto più semplice…

  7. […] merito a quanto si diceva qua, mi permetto di segnalare che nella giornata ieri sono arrivate in questo blog dai motori di […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: