Chiesa o stato?

Nei commenti a questo post si è discusso se l’attacco all’Avvenire si trattasse di un attacco alla Chiesa o alla stampa. Stavo per intervenire, ma rilancio con un post, dato che che ho una posizione mutevole e magari si imbastisce qualche altra discussione. Inizialmente io ero convinto che si trattasse di un attacco alla stampa. E sicuramente lo è. Però prima di tutto secondo me è un attacco contro tutti e tutti, e quindi anche contro la Chiesa. Contro qualsiasi entità che cerca di limitare il potere, non ho ben capito se del governo tutto o solo di Berlusconi.

Insomma: se si vuole attaccare la stampa, lo si fa, come si è fatto. Però prima di attaccare il giornale dei vescovi, uno due conti se lì fa, specie se un suo alleato due giorni prima ha attaccato ferocemente la Chiesa, arrivando a minacciare di rivedere il concordato.

Ripeto: se un arriva ad attaccare il giornale della CEI secondo me il segnale è uno: si sente assediato, e per sopravvivere va al contrattacco. Ne vedremo delle belle secondo me nei prossimi giorni. Con repubblica che ha iniziato, per bocca di Sofri, a chiedere le dimissioni di Berlusconi e con Prodi che timidamente inizia a farsi rivedere.

9 risposte a Chiesa o stato?

  1. isaroseisarose scrive:

    sono d’accordo con te: è contro tutto e tutti. l’unico messaggio è: “il padrone sono io. e guai a chi mi tocca”. la buona notizia è che mi pare che con boffo venga seppellita anche la santa alleanza chiesa-destra. berlusconi ha fatto il suo dovere su pacs alimentazione artificiale gay ect. ma con questa ha esagerato.
    morale: adesso anche alla chiesa tocca aspettare le primarie del pd.

  2. Francesco scrive:

    Secondo me l’operazione con la chiesa è molto più sottile,e per nulla sottesa a rompere. Anzi. Il punto secondo me è che si vuole dare una gerarchia, ed è ironico che si usi questo termine, nei rapporti tra governo e chiesa. In fondo, il Pdl può vantare il fatto di rappresentare la maggioranza dei cattolici italiani. Quindi,in ogni momento, varrà il discorso che i cattolici,quando votano, stanno da una parte ben precisa, e che alla chiesa conviene seguire quell’indirizzo se non vuole ritrovarsi un popolo in rivolta.

  3. isaroseisarose scrive:

    Il voto cattolico e’ una cosa complicata. Mi pare improbabile che il Pdl abbia l’esclusiva delle redini. Ancora piu’ improbabile mi pare che alla chiesa questo gioco di gerarchie (ed e’ un gioco di gerarchie, su questo sono d’accordo con te) vada bene perderlo cosi’, senza fiatare.
    A proposito: idee su chi sara’ il nuovo direttore di Avvenire?

  4. tomate scrive:

    Secondo me il caso Boffo è solo un esercizio di potere qualsiasi per intimidire i direttori dei giornali più timidi, come Il Corriere e La Stampa. I rapporti tra Stato e Chiesa non ne vengono toccati, perché sono basati su uno scambio di soldi e favori.

  5. Francesco scrive:

    Infatti tutto mi pare,tranno che non abbiano fiatato. E certo che i rapporti sono basati su soldi e favori,ma questo non esclude i rapporti di forza. Berlusconi è decisamente spaventato dalla possibilità di perdere la leadership nel suo schieramento,perchè con un presidente americano di quel tipo,e con una chiesa che dal punto di vista umanitario ha preso una certa posizione, è naturale che possa prendere piede una linea Fini, o chi per lui, che fa opposizione nello stesso centrodestra. (in tutto ciò la sinistra è totalmente annullata, ma lasciamo perdere). Quindi o Berlusconi da un buon motivo, o lo impone,perchè i vari poteri lo seguano, e i motivi economici ultimamente valgono pochino,in tutti i termini, oppure c’è un grosso rischio per lui di perdere il posto.

  6. masaccio scrive:

    D’accordissimo con Tomate. Se morto un papa se ne fa un altro, figuriamosi licenziato un Boffo…

  7. isaroseisarose scrive:

    certo, la merce di scambio è molta e ghiotta. dal punto di vista politico, testamento biologico in primis.

  8. isaroseisarose scrive:

    “I rapporti del governo con la chiesa e i miei personali con chi guida con prestigio e autorevolezza la chiesa cattolica sono sempre eccellenti. Li consolideremo nei prossimi mesi con il testamento biologico”. Berlusconi, Canale 5.

  9. Francesco scrive:

    So che le mie ipotesi erano state bollate quali piuttosto fantasiose ed infondate. Sta di fatto,che qualche indizio per movimenti interni alla chiesa che ce li abbiamo da un po’ di giorni a questa parte,e dopo un’intervista al corriere nella quale Calderoli parlava di diatribe interne alla chiesa, rispondendo in merito al caso boffo, ecco un articolo di repubblica.it sulla Cei e le sue recenti posizioni.

    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/politica/crociata-crisi/crociata-crisi/crociata-crisi.html

    Ovviamente,il tutto si può anche immaginare come montanto da Repubblica per far credere ad uno schieramento antiberlusconiano più ampio di quanto si immagini,ed è anche vero che non importa da dove venga,quando si tratta di un favore alla chiesa va sempre bene, tant’è.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: