Tanto gli porta voti

“Tanto gli porta voti”. Una delle espressioni che va per la maggiore e che più non sopporto. Ovviamente l’espressione si sente nei confronti di Silvio Berlusconi, ogni volta che combina una di quelle, che con la moda del momento, si possono chiamare gaffe.

Allora. Secondo me questa è una balla. Per carità, il paese è cambiato, lo dice Silvio stesso, e ci mancherebbe altro. Per me è cambiato in peggio, siamo più avezzi alle schifezze, accettiamo leggi porcate, la tv ci ha un po’ addormentato (un po’, eh).

Però, da questo a dire che dare del Kapò a uneuroparlamentare, frequentare escort, fare battute idiote sempre e comunque, insultare chi non la pensa come te ecc. ecc. porta voti, secondo me ce ne passa. Insomma. Abbiamo avuto un luglio in cui abbiamo potuto gustarci la capacità nordcoreana con cui Minzolini ha diretto il tg1, riuscendo a censurare tutto e più di tutto. Se gli portava voti, immagino sarebbe andata diversamente.

Poi per carità, come dice Gilioli, mica nego che c’è chi lo stima davvero perchè frequentava una minorenne. Ma quelli sono una minoranza. Insomma, quando Berlusconi combina qualcosa di grosso, state per sicuri. Non gli fa guadagnare voti.

Qual è il problema allora? Beh, prima di tutto, smettere di dire “tanto gli porta voti” può essere un ottimo modo per riprendere un minimo di fiducia in se stessi, cercare di scardinare la sindrome della sconfitta di cui ormai il centrosinistra italiano è completamente malato.

Il punto continua a essere, evidentemente un altro. Se controlli quasi tutti i mezzi d’informazione, fidatevi, puoi fare qualsiasi cosa, ma poi se lo raccontano in maniera diversa, nulla ti farà perdere voti. E poichè la maggior parte delle persone si nutre solo dei panini dei tg, tutto continuerà a portargli voti, a meno che non ci si metta nel proprio piccolo, a spiegare come stanno le cose, a creare alternative. Perchè l’altro punto è che non ci sono alternative. Non dico solo di governo (Fassino ha addirittura proposto di sostenere Galan, per dire). Ma neanche a destra. E dove le alternative ci sono, la gente che non è attratta dalla sinistra, ma non è contenta di Berlusconi vota altro. Come in Veneto. Come in Sicilia.

Già forse per Berlusconi è iniziata la fine di un’era. Solo che bisogna vedere se il declino durerà quanto l’ascesa, o se sarà improvviso. Di certo, la mancanza di alternative non è un buon punto da cui partire.

2 risposte a Tanto gli porta voti

  1. specnaz scrive:

    Credo tu abbia ragione in toto, ma mi preme soprattutto sottolineare un punto.
    Credo il punto nodale della letargia italica sia il dato di fatto della totale assuefazione a qualsiasi esternazione venga fatta e riproposta dai media.
    Me lo sono chiesto spesso, e credo che nella media sia di default l’idea che in tv NON si possano davvero raccontar balle, e al massimo resta lì a pensare magari che non è proprio vero, ma certo non è falso, se lo dicono Lì non può non essere così!! Che è quello che dice anche berlusconi… C’è gente che crede che davvero a due pastori sardi possa venire in mente di andare a forum a litigarsi una pecora!!
    Ma hai letto le dichiarazioni di Bossi sulla mafia, là sul Monviso con l’ampolla d’acqua in mano?
    Al di là delle risate a sentire certe scemenze.Ma in quale paese non l’avrebbero già internato?

  2. isaroseisarose scrive:

    Però quando uno ha la tv, e quando alla tv si abbevera l’80% degli italiani, ci si sente un Davide contro mille Golia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: