Quello che Christian Rocca non dice

Il nostro amatissimo Christian Rocca scrive:

Il rapporto Goldstone delle Nazioni Unite aveva stabilito che nella guerra di Gaza del 2008-2009 sia Hamas sia Israele avevano commesso crimini di guerra, avevano cioè entrambi ucciso intenzionalmente civili della parte avversa. Non era vero. O, meglio, è vero che Hamas abbia commesso quei crimini, che abbia ucciso intenzionalmente i civili israeliani. Non è vero, invece, che anche Israele abbia commesso quei crimini. Chi lo dice? Be’, lo stesso giudice Richard Goldstone in un articolo pubblicato dal Washington Post. Si era sbagliato.

Wow. Il giudice Onu che accusava Israele di crimini di guerra si smentisce. “Non è vero” dice Rocca “che Israele abbia commesso quei crimini”. E a dirlo è lo stesso Goldstone, secondo Rocca.

Poi uno va a leggere l’articolo di Goldstone sul Washington Post, e cosa trova? Tante cose, ma non l’affermazione di Rocca. Goldstone non dice mai che Israele non abbia commesso quei crimini. Ma proprio mai.

Cosa dice Goldstone?
Goldstone dice che Israele non ha collaborato in nessun modo con l’inchiesta Onu. Che Israele ha deciso di condurre proprie inchieste. Che queste inchieste sono troppo lente e che non sono pubbliche. Che spera che, se qualche ufficiale israeliano dovesse essere riconosciuto colpevole, sia punito adeguatamente.

Da cosa deduce quindi Rocca la sua incredibile affermazione?
Dal fatto che, dice Goldstone, l’inchiesta militare israeliana, condotta privatamente e senza collaborare con l’Onu, pur riconoscendo l’effettiva esistenza di vicende riguardanti singoli ufficiali, non ha trovato prove del fatto che ci fosse una politica ufficiale che ordinasse esplicitamente di mirare ai civili.

Giuro. Ciò da cui Israele è assolto è non aver messo per iscritto un decreto ministeriale con scritto: “Sterminate i palestinesi”. Incredibile.

Ovviamente ciò non vuole assolutamente dire la puttanata scritta da Rocca, cioè che l’esercito israeliano non sia stato coinvolto in crimini di guerra. È la stessa Israele che, pur senza la minima trasparenza, sta tuttora indagando i propri ufficiali.

A onor di cronaca, ricordo, citando il Post, che in quei 3 mesi morirono circa 1400 palestinesi e 13 israeliani. Ma le proporzioni, da quelle parti, sono perse da tempo, come ho già avuto modo di scrivere.

11 risposte a Quello che Christian Rocca non dice

  1. ecudiélle scrive:

    smettetela di dare a rocca il credito del giornalista serio
    bring out the clowns

  2. christian rocca scrive:

    Egregi ragazzi, evidentemente non conoscete né l’italiano né l’inglese. Non è una vostra colpa, ma non diffamate. Quello che ho scritto è scritto nell’articolo di Godstone sul Washington Post, come avete potuto leggere oggi (cioè due giorni dopo il mio post) su tutti i giornali italiani. Ieri, invece, l’ha scritto il New York Times e tutti i quotidiani del mondo, esattamente come avevo fatto io il giorno prima. Siete in malafede, come sempre.

    http://www.nytimes.com/2011/04/03/world/middleeast/03goldstone.html?scp=1&sq=goldstone&st=cse

  3. Lorenzo scrive:

    Non solo dice quello che dice masaccio, ovvero che non si tratterebbe di crimini di guerra solo perché classificati da inchieste come “effetti collaterali”, ma pure dice che i numeri forniti da Hamas sono confermati dalle autorità israeliane stesse, e che le inchieste dell’autorità palestinese hanno provato l’uso della tortura a danno di appartenenti a Hamas stessa (cito: “The Palestinian Authority established an independent inquiry into our allegations of human rights abuses — assassinations, torture and illegal detentions — perpetrated by Fatah in the West Bank, especially against members of Hamas. Most of those allegations were confirmed by this inquiry”).
    caso mai su Hamas conferma l’assoluto disinteresse a qualsiasi cessate il fuoco, ma da qui a sostenere che l’uccisione di civili “a causa dell’errata interpretazione delle immagini di un drone” sia da escludere felicemente dai crimini di guerra direi che ce ne passa…

  4. masaccio scrive:

    È proprio perché tu invece sei in buona fede e sai l’inglese che ci si aspetterebbe che tu citassi la frase in cui Goldstone afferma, come hai scritto tu, che “non è vero che Israele abbia commesso quei crimini”.
    Però non lo fai. Perché?
    Perché quella frase non esiste. Perché Goldstone si limita ad affermare, che in un’inchiesta non pubblica e troppo lunga, Israele non ha trovato prove dell’ordine esplicito di mirare ai civili, e sta quindi processando singolarmente gli ufficiali che hanno sparato ai civili.
    Se per te questo significa che non c’è stato alcun crimine di guerra, nell’uccisione di quei 1400 palestinesi, mentre c’è stato nell’uccisione dei 13 israeliani, mi sa tanto che sei tu a essere in malafede…

  5. mazzetta scrive:

    anche Sofri su Il Post ha provato la truffa e una volta scoperto ha citato una frase da un articolo del Guardian, evitando accuratamente di citare l’articolo di Goldstone, chissà com’è

    Inutile discutere con gente in evidente malafede che si presta a taroccare le informazioni (e Rocca ha un CV gonfio di falsi), basta sbugiardarli e non prendersela troppo, tanto loro attendono solo la prossima occasione per ripetersi

    Della verità, della qualità del giornalismo, non interessa loro nulla.

    Sono solo parole vuote che usano per dipingersi da giornalisti corretti mentre spacciano panzane del genere

  6. masaccio scrive:

    Mazzetta, non me la sono presa con il Post solo perché Sofri, come al solito, utilizza toni più sfumati e ambigui, e quindi si espone al dubbio e alla critica.
    Rocca, invece, come al solito, utilizza il suo tono assertivo e diretto per far passare per verità assolute cose che in realtà sono molto più controverse. E allora mi incazzo.

    • christian rocca scrive:

      Siete in malafede o scemi. Certamente diffamatori di professione. Non avete idea di ciò che scrivete e non è che non citate Luca Sofri, non citate nessun altro giornale del mondo che, 4 giorni dopo il mio post, scrive esattamente quello che ho scritto io, che poi è quello che ha scritto Goldstone. Non sapete niente, cari diffamatori. Non sapete che il crimine di guerra è la deliberata uccisione di civili, cosa che fa Hamas da sempre. Non l’uccisione di civili, cosa che in guerra purtroppo capita. Quello non è un crimine di guerra. E’ la guerra e basta. Goldstone aveva scritto che Hamas e Israele avevano commesso crimini di guerra, uccidendo appositamente i civili. E ora, cambiando idea, dice che li ha commessi solo Hamas. Diffamatori.

      • Lorenzo scrive:

        Giusto. Volevo scriverlo prima, ma aspettavo prima una tua replica.
        I militari israeliani propriamente non sono criminali di guerra, sono solo assassini, e pure incapaci, visto che la gente l’ammazzano perché non sanno distinguere civili e terroristi.
        Se sul piano del diritto può essere, e molto differente, sul piano politico le cose non sono poi così diverse.

  7. masaccio scrive:

    Ahahah, siamo al metodo Sgarbi. Tra l’altro, dato che la diffamazione è un reato, è piuttosto diffamante darci dei diffamatori, lo sai, vero?

    Tornando al merito della questione, non citiamo nessun giornale al mondo tranne l’unico che non citi tu, Rocca, cioè il Washington Post, dove Goldstone non ha mai scritto che non ci sono state uccisioni deliberate di civili. Ha scritto che, dall’inchiesta militare israeliana, che lui critica perché non è pubblica ed è troppo lenta, non sono emerse prove che ci fosse una politica ufficiale di quel tipo, ma che invece ci sono singoli ufficiali imputati per quegli episodi. Certo, è diverso dire che c’è stato un ordine dall’altro o dire che singoli ufficiali hanno agito di propria iniziativa. Ma a qualsiasi persona ragionevole, vedendo 1400 morti da una parte e 13 dall’altra, considererebbe quantomeno strano che le uccisioni deliberate si riferiscano solo alla cifra 100 volte minore…

    • lorenzo scrive:

      A dir la verità, nell’articolo Goldstone giudica sufficiente la collaborazione delle autorità israeliane, abbastanza da fargli pensare che il rapporto avrebbe anche potuto essere diverso.
      Ovvio che per qualunque persona di buonsenso, e per una valutazione politica e non giuridica del tutto, queste considerazioni valgono fino aun certo punto. Perché liquidare stragi di civili (si parla di decine di morti al colpo) come “errori tecnici” è pure tecnicamente possibile, ma altrettanto vergognoso. Di fatto, se il nuovo articolo è significativo per quanto riguarda l’intenzionalità delle uccisioni di civili, anche l’incidentalità è perfettamente compatibile con “a deliberately disproportionate attack designed to punish, humiliate and terrorize a civilian population, radically diminish its local economic capacity both to work and to provide for itself, and to force upon it an ever increasing sense of dependency and vulnerability.” [pezzo del rapporto citato dal NYT].
      Sfugge poi come (qui non si parla di Israele, ma di Fatah, che comunque la comunità sceglie come interlocutore privilegiato) l’uso di torture e violazioni accertate dei diritti umani siano compatibili col tono conciliante che effettivamente Goldstone usa.
      Di fatto, restando all’articolo di Goldstone, la questione è puramente di diritto e non politica. Se valutiamo chi invece lo riporta, dal NYT in giù, quasi tutti sono corretti nel riportarne il tono dubitativo (per poi evadere dal merito delle questioni). Tranne Rocca, che enuncia la gran verità, omettendo tutto il resto…

  8. Aw, this was an exceptionally good post. Finding the time
    and actual effort to generate a good article… but what can I say… I hesitate a lot and never seem to
    get anything done.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: