Pound era gay

ottobre 4, 2009

Parafrasiamo una canzone del nostro amico Povia, per raccontare di un evento che ha dell’incredibile e che si è svolto qualche giorno fa in una delle roccaforti dell’estrema destra romana: Casa Pound. La deputata lesbica Paola Concia, del PD, è stata invitata a parlare di coppie di fatto e di omossessualità, in un luogo dove queste pratiche di solito, diciamo, non sono ben viste.  Pare che l’incontro sia andato bene e che da Casa Puond abbiano fatto sapere che non sono contro le coppie di fatto, anche omossessuali, ma non transigono sulle adozioni gay. La stessa Concia ha scherzato, definendo Casa Pound “più a sinistra del PD”.

Se le cose stanno davvero così, io mi rallegro. E’ un piccolo passo verso un’Italia più civile. Solo che lascio qualche spazio al dubbio, perchè di certa gente proprio non c’è da fidarsi; ma non riesco a capire il perchè di questa svolta, non riesco a vedere doppi fini. A voler essere maligni si potrebbe pensare che sia una scusa per coprire chi va a buttare moltov contro i locali gay. Ma si sarebbe arrivati a questo punto, addirittura redando un documento e prendendo una posizione che rischia di creare tensione all’interno del proprio gruppo politico?

Ripeto, non capisco bene cosa sia successo. Di sicuro qualcosa, speriamo solo sia qualcosa di buono.

Annunci