Ai posteri l’ardua sentenza

febbraio 7, 2009

Su quello che sta succedendo attorno al caso Englaro, come ho già scritto, si può dire ben poco, oltre urlare la parola vergona.

Ma non si può soprassedre sulla frase del Presidente del Consiglio: “Portrebbe anche avere dei figli”. E’ evidente che per lui, la funzione di una donna è solo quella di riprodursi. Non serveno sentimenti, divertimento, vita ecc. ecc. L’importante è che una donna abbia la capacità biologica di riprodursi. Punto. Quello è sufficiente.

Scusate, sarò un po’ crudo, ma non mi piaciono i fondamentalisti. Io farei una domanda a Silvio Berlusconi. Se una ragazza in stato vegetativo può anche avere  dei figli, come pensa di farglieli concepire questi figli, dato che lui e il suo governo, in linea con l’integralismo religioso di moda, sono anche contro l’inseminazione artificiale? Dove è finita almeno la parvenza della decenza?

Di questa inverconda vicenda ci rimarrà la figura di Beppino Englaro, eroe civile per circostanza e non per volontà, ma è grazie a persone come lui, che agiscono per motivazioni personali e umane con grande dignità, che i paesi crescono in termini di civiltà. E rimarrà il gesto di Napolitano, che ha ridato grande valore alla nostra Carta Costiuzionale. Il resto verrà seppellito dalla storia, come battaglia di retroguardia, un episodio epigono del passato, che i posteri leggeranno come uno strascico del passato sul nostro presente.

Ps: sullo stesso tenore anche questo post di Mantellini.  Sul caso Italia segnalo il bellissimo post di Tomate.