Voglia di vincere

aprile 5, 2011

È risaputa la scarsa considerazione che, per quanto mi sia simpatico, nutro per Giuseppe Civati e per i suoi (molto peggio di lui) sodali.

Però da qualche giorno il nostro sta ripetendo con una certa insistenza una cosa interessante e importante. Dice Civati che

Giuliano Pisapia, dicono i sondaggi, può vincere le elezioni e, tra due mesi esatti, potrebbe essere sindaco di Milano. Non tutti i milanesi, nemmeno quelli di centrosinistra, sembrano esserne del tutto consapevoli, ma le cose stanno così. Moratti è in difficoltà, il Terzo Polo (Palmeri) e il Quarto (Grillo) condurranno i due principali candidati al ballottaggio.

Oggi l’ha scritto perfino Europa. Non la Pravda:

Se tutto questo è vero non si comprende la strana freddezza con cui il Pd guarda alle prossime amministrative sotto la Madonnina. Un misto di diffidenza e scetticismo che fa a pugni con i sondaggi di quasi tutti gli istituti di ricerca che, per la prima volta da molti anni, dicono che il miracolo a Milano è possibile, che Giuliano Pisapia può farcela. Naturalmente è giusto essere prudenti sui sondaggi. Una percentuale assai alta di indecisi autorizza qualsiasi previsione.
Però anche l’idea del premier di presentarsi capolista alle comunali conferma che i sondaggi che ha in mano lui sono gli stessi che conosciamo tutti, che il candidato del Terzo polo può rubare molti voti al sindaco uscente, che la Lega è un alleato insidioso, che è molto difficile trascinare al ballottaggio un elettorato deluso o indifferente. […] Però lo squilibrio delle risorse in campo con la Moratti è evidente e devastante, e forse qualche sforzo in più (di soldi, di mobilitazione, di passaparola, ma soprattutto di soldi) si potrebbe fare.
[…] In termini di peso specifico la vittoria sotto la Madonnina conta molto di più di mille mobilitazioni di piazza, di convention, girotondi, fiaccolate, raccolte di firme. Speriamo che il Pd se ne accorga.

Al di là di tutte le considerazioni simboliche sulla capitale economica ecc. ecc., di cui non mi interessa assolutamente nulla, chiunque conosca un minimo come funziona la Lega, provi a immaginare la reazione di Umberto Bossi alla sconfitta di un candidato berlusconianissimo come la Moratti, con Berlusconi in lista, nella capitale del berlusconismo.

Personalmente, mi immagino qualcosa di molto simile a questo:

Il potere della Lega, da ormai una quindicina d’anni, sta nelle amministrazioni locali, nel consolidamento di un blocco sociale, politico ed economico in alcune specifiche aree del nord. Se la Lega perdesse Milano, in un momento in cui ha il vento in poppa ed è frenata solo dal nodo scorsoio che la lega a Berlusconi, quanto ci metterebbe a liberarsi? Il federalismo è stato approvato: ciao ciao governo, ciao ciao Silvio, si va alle elezioni.

Ecco, al di là di ogni considerazione politico-programmatica (personalmente in questo momento non credo che un’eventuale nuova stagione di centrosinistra al governo farebbe faville), da un punto di vista puramente strategico, se io fossi un dirigente del centrosinistra, in questo momento, metterei tutti le forze e i soldi che ho su Milano, e proverei a portarla a casa. Se volessi veramente far cadere Berlusconi.
Dato che ciò non succede, e che Pisapia sembra far campagna da solo e senza un euro, ci sono tre possibilità, su cui interrogo i lettori di Malingut:

  1. sono uno scemo e ho scritto una serie di puttanate enormi;
  2. i dirigenti del Pd sono cretini;
  3. i dirigenti del Pd non vogliono far cadere Berlusconi.

Via alle telefonate…


Dilettanti allo sbaraglio

luglio 5, 2009

Non c’è che dire. La candidatura all’insegna del rinnovamento di Ignazio Marino alla segreteria del Pd è partita proprio col piede giusto.

Certo, vedere i nostri grandi rivoluzionari trasformare la loro Storica Battaglia in un’operazioncina trasformista per togliere voti di sinistra a Bersani e poi portarli in dote a Franceschini (che, ricordo, è il candidato di Marini, Rutelli, Fioroni, Binetti, ecc.) al ballottaggio, fa un po’ tristezza. Ma neanche tanto. Visti i precedenti e vista la grandiosa propensione all’autogol dimostrata in questi giorni, viene da pensare piuttosto che siano stati Franceschini e Bersani a convincere Marino a imbarcarli, perfidamente.


Il topolino e la politica

giugno 28, 2009

Quasi un anno fa scrivevo:

Ho una gran simpatia nei confronti di coloro che vogliono cambiare il Pd da dentro. Ovviamente è una battaglia in cui non credo, ma sono solidale con chi la combatte. Quello che però ho sempre imputato a questi qua è un certo paraculismo di fondo. L’incapacità totale di andare allo scontro, di contestare davvero chi si critica, di preparare e far prevalere un’alternativa radicale alla gestione che, giustamente, si considera debole e fallimentare.

Avevano appena fatto la loro prima assemblea nazionale, e invece di uccidere il padre avevano fatto a gara a farsi fotografare vicino a lui, pronti a farsi cooptare e non criticando neanche per un secondo la sua linea politica.
Poi si sono allargati. Sono andati a Piombino. Ieri hanno fatto la loro grande kermesse al Lingotto, e ora sono tutti lì su Friendfeed a darsi della gran pacche sulle spalle per come è riuscita bene l’organizzazione.

Ma, per l’ennesima volta, non hanno detto né fatto assolutamente niente. Anche tralasciando il ridicolo tentativo di far passare per alfieri del nuovo l’ex segretario nazionale della Fgci andropoviana Gianni Cuperlo, la pluriministra Giovanna Melandri e il funzionario di partito a vita sessantunenne Sergio Chiamparino, a colpire più di tutto è la totale assenza di politica. Il buon Civati ha fatto un lunghissimo e appassionato discorso sul bisogno assoluto che questo Pd ha di contenuti, ha proclamato “noi portiamo i contenuti” e poi, di questi tanto agognati contenuti, non è riuscito a citarne uno. Ha elencato “lavoro, formazione, casa, ambiente, laicità” senza però indicare una singola scelta. Perché di lavoro, formazione, casa, ambiente, laicità si occupa pure il Pdl, o no? E allora perché uno dovrebbe votare per il Pd?

Insomma, la montagna ha partorito l’ennesimo topolino: dopo essersi rifugiati sotto le gonne di Veltroni alle primarie, dopo essersi fatti cooptare in una direzione nazionale eletta da nessuno, dopo essersi fatti candidare con le liste bloccate alle politiche (ed essere pure trombati), dopo non aver osato mai sfidare la classe dirigente del proprio partito per 2 anni, ora non riescono a trovare un nome e una linea da schierare neanche al congresso di ottobre. Aspettano l’ennesimo notabile di mezza età, sia Franceschini o Chiamparino (Bersani no, per carità, che è un pericoloso comunista!), a cui allinearsi disciplinatamente in cambio di qualche poltroncina qua e là e di tante chiacchiere su Friendfeed.

Poi, improvvisamente, è arrivata la politica, con l’intervento di Debora Serracchiani, sulla cui figura prometto un posto nei prossimi giorni. La giovane quarantenne che è in Consiglio Provinciale da anni ma sembra sempre la ragazzina che passa di là per caso, ha chiesto:

Siamo d’accordo oppure no sull’articolo 18? Continuiamo a pensare che sia la soluzione o dobbiamo intervenire anche su quello. Pensiamo che sia utile fare un contratto unico di lavoro o continuare a distinguere i precari da quelli che hanno un rapporto di lavoro?

Una domanda che più tendenziosa non si può: certo che non voglio continuare a distinguere i precari da quelli che hanno un rapporto di lavoro stabile (se per precari si intendono i lavoratori dipendenti mascherati e non il lavoro autonomo di un libero professionista). Infatti vorrei un rapporto di lavoro stabile anche per chi ora è precario. Che c’entra l’articolo 18? L’articolo 18 è ciò che rende stabile il lavoro di chi ha un contratto a tempo indeterminato. Toglierlo vorrebbe dire sì smettere di distinguere, ma livellando tutto al ribasso, cioè rendendo tutti precari.

E infatti ha colto la palla al balzo Giovanna Melandri. La pluriministra, sì, il nuovo che avanza. Perché si può anche essere dei funzionari di partito a vita che hanno passato più tempo a palazzo Chigi che a casa propria negli ultimi 15 anni, ma se si cita Obama ogni due parole, allora si è giovani per sempre. Ha risposto:

Mi dispiace, l’articolo 18 è un vecchio arnese, mi prendo la responsabilità di dirlo da qua, noi non possiamo più pensare che ci sia una parte del lavoro protetto, e decine, centinaia, migliaia di giovani che non hanno assolutamente alcuna forma di protezione.

Ecco. Ora, non so come siate messi a memoria, ma queste sono esattamente le cose che Maroni, Sacconi, D’Amato, Berlusconi, ecc. ci dicevano nel 2002. Dicevano che difendere l’articolo 18 significava difendere i lavoratori a tempo indeterminato, e quindi danneggiare i precari. Il sottoscritto, precario, deve ancora trovare qualcuno in grado di spiegargli in che modo togliere l’articolo 18 al suo collega a tempo indeterminato lo aiuterebbe. Non esiste. È una linea puramente ideologica, strumentale, progandistica: siccome alcuni hanno dei diritti e altri no, togliamoli a tutti perché siamo tutti uguali. Io ti sto togliendo un diritto, ma per distrarti ti dico che tanto molti già non ce l’hanno, ed è un’ingiustizia. Una linea per niente nuova, tra l’altro: è stata scritta per anni nei documenti di Confindustria e di Forza Italia. Poi, dopo che qualche milione di italiani l’ha sconfitta, anche loro l’hanno cancellata: Montezemolo è stato eletto proprio per smetterla con la guerra sull’articolo 18, che gli industriali non potevano vincere. E Sacconi, da ministro, si è ben guardato dal riproporre quest’iniziativa.
Ma ciò che la destra butta via perché troppo estremista, i gggiovani raccolgono, perché nuovo. Nuovo nuovo. Nuovo come il mercato del lavoro italiano prima dello statuto del 1970. Libertà di licenziamento per tutti, altro che precarietà. Nuovissimo, proprio.

Insomma: sulla Grande Battaglia di Rinnovamento Interno, un topolino. Sulla politica, un copia e incolla dal programma del Pdl di qualche anno fa. Questo il bilancio del Lingotto.
Ora chiedo a Marco, che ormai per me è diventato l’emblema della brava persona intelligente di sinistra che continua a farsi illudere dal Pd e dalla possibilità di cambiarlo dall’interno: non ti sei stufato di farti rappresentare, quanto meno sui giornali, da questi quattro cialtroni incapaci e arrivisti che nessuno ha mai eletto? Non ne trovate di meglio? Non ti senti a disagio, a dover rimpiangere Fassino?


Ma perchè

giugno 9, 2009

Sarebbe il momento di fare serrate analisi sul voto alle europee e alle amministrative. Ma invece cercherò di fare una breve analisi, diciamo di atteggiamento, sperando che possa essere un po’ più utile che capire semplicemente la dinamica dei voti, cosa che in realtà mi affascina molto.

Il referendum. Parliamo di referendum. Non del perchè votare o meno, questo l’ha già spiegato bene Masaccio.

Io mi chiedo perchè il Partito Democratico, fra  mille battaglie ha scelto questa. Dov’è la convenienza, mi chiedo.

Per caritò, c’è chi è in buona fede, come Civati. Ma dal punto di vista morale è un schifezza, perchè il PD sceglie di andare a votare a un referendum non per il referendum in sè ma per mettere in crisi la maggioranza di governo. Come dire: ” Noi si che abbiamo il senso dello stato, mica come Silvio.”

Secondo: Vanno a votare per abrogare il Porcellum. Ma se passasse il referendum (cosa impossibile) nessun Porcellum verrebbe eliminato, anzi, verrebbe implicitamente accettato: il referendum modifica una legge che esiste e che evidentemente ha bisogno di modifiche ma non di essere eliminata.

Terza cosa. Se ci fosse qualche possibilità che il referendum passasse, non sarei d’accordo ma capirei la battaglia.

Così no. Non ha senso. E’ solo un farsi del male.

Ecco questo è un esempio del perchè il centro sinistra è alla deriva. No ha una strategia, non ha una tattica, vive alla giornata e si aggrappa a temi imposti (qualora non inventati) da altri.

Se si continua così potrà andare ben peggio di oggi.


Starballs

maggio 6, 2009

Balle spaziali. Balle enormi, smisurate.
Non mi viene in mente un termine più accurato per definire le affermazioni che i dirigenti del Partito Democratico vanno propinando agli italiani in questi giorni sul tema del referendum elettorale.
Ho sentito Franceschini dire testualmente:

La Lega poteva pensarci prima di fare la legge porcata. Noi voteremo sì per abrogare la legge porcata.

Questo è semplicemente falso.  Non è vero. È una balla. Come si è già scritto più volte, questo referendum non abroga il cosiddetto Porcellum. Cancella semplicemente un dettaglio: invece di attribuire la maggioranza assoluta alla coalizione più votata, la attribuisce alla singola lista più votata. Tutto il resto rimane identico: liste bloccate, premio di maggioranza, ecc. Insomma, cancella l’unico elemento di pluralismo democratico presente nel Porcellum, cioè la possibilità per l’elettore, pur all’interno di coalizioni e tenendo conto di sbarramenti, voto utile, ecc., di scegliere il partito da cui farsi rappresentare. Non si può scegliere il candidato, d’accordo, ma almeno il partito. Il referendum cancella quest’unica libertà di scelta, trasformando il Porcellum in un Porcellum al quadrato, simile in tutto e per tutto alla legge Acerbo fatta su misura di Mussolini.
Che la legge sia fatta su misura per Berlusconi non lo nasconde nessuno, a destra, tanto meno il promotore del referendum. Tanto che quando i democratici devono giustificare il loro appoggio al referendum plebiscitario, devono avanzare argomentazioni tattiche:

La verità è che l’unico risultato concreto dell’eventuale raggiungimento del quorum e della vittoria del sì, sarebbe la messa in discussione dell’alleanza strategica con la Lega. Il resto, per ora, è del tutto ipotetico. E, mi pare, poco fondato.

Caro Giuseppe Civati, certo che metterebbe in discussione l’alleanza tra il Pdl e la Lega. Per il semplice fatto che quell’alleanza a Berlusconi non servirebbe più. Risultatone, eh?
Il problema è che c’è un altro risultato, fondatissimo e per nulla ipotetico, perché scritto nella lettera della legge che uscirebbe del referendum: il trionfo assoluto del plebiscitarismo contro ogni idea di pluralismo democratico. Niente preferenze, niente collegi uninominali, nessun partito “libero”, nessuna rappresentanza delle idee o dei territori, solo due leader tra cui scegliere il meno peggio, mandando automaticamente in parlamento, con una sola croce, centinaia di dipendenti del capo, scelti personalmente da lui. Una correzione autoritaria del Porcellum. Calderoli in salsa putiniana, insomma.
Allora facciamo due più due. Il Pd sa che questa legge favorirebbe Berlusconi e sa che questa legge ammazzerebbe ogni pluralismo democratico. Però la appoggia. Perché?
La appoggia perché favorire Berlusconi, evidentemente, è un rischio calcolato all’interno dell’obiettivo prioritario, cioè ammazzare il pluralismo democratico. Il Pd è in crisi, perde consensi, verso Di Pietro, verso l’Udc e perfino verso ciò che resta della sinistra. Per fermare l’emorragia, si è inventato lo sbarramento alle europee. Ma non basta, il cadavere della sinistra uccisa un anno fa deve essere sepolto per sempre, escluso a priori dalla campagna elettorale. E la crisi è anche interna, le forze centrifughe, renitenti a ciò che resta del plebiscitarismo veltroniano, sono forti. Va quindi sancita per legge l’indissolubilità del Pd. L’impossibilità di formare un altro partito, di portare allo scoperto un’altra opzione politica.
Se questo ci costerà Berlusconi al Quirinale amen, sembrano voler dire i dirigenti del Pd. La baracca sarà salva, e non avremo concorrenti all’opposizione. Nella speranza che, prima o poi, Berlusconi muoia.
Tanti auguri.