Gaffe o fake?

settembre 20, 2008

Secondo voi, che Mc Cain non sappia chi sia Zapatero, è una fake o un gaffe (come si suol dire di questi tempi)?

Chissà, se Bush pensava che i Taliban fossero un gruppo rock Mc Cain può anche pensare che Zapatero sia un dittatore. Io intanto l’ho chiesto a Camillo.

p.s. Prometto un post sulla “gaffe” intesa in senso teoretico

Annunci

Mc Cain è Leslie Nielsen

settembre 6, 2008

Ho appena letto questo passo di Mario Calabresi su Repubblica.it:

Non appena ha annunciato le sue intenzioni la platea è esplosa in un’ovazione liberatoria ed è partito il coro “Drill, baby, drill” (Trivella, baby, trivella), vero leit motiv di tutta la Convention. I delegati dell’Alaska addirittura indossavano il caschetto bianco degli operai delle piattaforme petrolifere e incitavano a perforare anche le riserve naturali del loro Stato. La nuova guerra americana è quella dell’energia e “l’uomo di pace” McCain ha deciso che il nuovo fronte sarà sotto il mare. E che le elezioni alla fine saranno un referendum che si terrà alle pompe di benzina.

Per un momento ho pensato che fosse la descrizione di una scena assurda presa da qualche Pallottola spuntata, i film con protagonsta Leslie Nielsen (col quale Mc Cain vanta anche una certa somiglianza). Poichè non volevo credere che potesse essere vero, sono andato a vedermi il video della convention repubblicana. E’ tutto drammaticamente vero. Potete vederlo nel video postato qui sopra, fra i minuti 1:30 e 2:15. Ma attenti, è agghiacciante. In particolare quando, dopo che McCain ha appena annunciato che trivellerà ovunque, inquadrano un cartello sostenuto dal pubblico gaudente che dice “Ambientalisti per McCain”.


Obama vincerà (forse)

settembre 4, 2008

Ogni giorno sentiamo gli aggiornamenti su come vanno i sondaggi per le presidenziali americane. Si vota esattamente fra due mesi, quindi ne sentiremo ancora un bel po’. Il punto è che nel caso di queste elezioni, il sistema proporzionale su base nazionale su cui si basano i sondaggi che arrivano qui in Italia, non è valido, visto che i grandi elettori si votano stato per stato.

Questi sondaggi possono essere utili dunque per capire gli umori e le tendenze dell’elettorato ma non per capire chi dovrebbe essere in vantaggio. Nell’analisi che simula il vero meccanismo delle elezioni Obama è molto più in vantaggio. Alcune mappe si possono trovare sul sito di Zogby, istituto più favorevole ai repubblicani (mentre Gallup da in vantaggio Obama), per la verità non troppo aggiornato. Obama è in netto vantaggio anche secondo Karl Rove, lo stratega delle vittorie elettorali di Bush, e citando proprio Rove, a malincuore lo deve ammettere anche Christian Rocca, l’americanista de il Foglio. L’articolo è di due settimane fa, ma in realtà le cose sembrano cambiate di poco.

Non ci resta che attendere.