Zion libera

ottobre 17, 2008

Questo è un post sulla vicenda di Liberazione, che è piuttosto complessa, perché riguarda insieme il ruolo della stampa di partito, l’autonomia di un giornale dal suo editore, le conseguenze dei tagli all’editoria cooperativa.
Per districare la matassa e scansare ogni equivoco, parto da due premesse. La prima è l’assoluta, totale e incondizionata solidarietà ai giornalisti e ai poligrafici di Liberazione, onesti lavoratori che fanno il proprio mestiere (chi meglio chi peggio, ma a questo arriverò con calma) e che una legge consapevolmente punitiva vorrebbe mandare in mezzo a una strada. Sto dalla loro parte, se ci sarà da manifestare lo farò, e aggiungo un pensiero anche ai collaboratori, categoria sempre dimenticata, tra i quali ho appena scoperto esserci anche un mio conoscente. La seconda premessa è che non ho alcuna stima di Piero Sansonetti come persona, come politico e come giornalista. Lo trovo una persona ben poco coerente, che dall’Unità passa a Liberazione come se niente fosse, al miglior offerente; un politico dannoso per la propria parte, emblema della sinistra salottiera e parolaia, che va in tv a esibire i suoi capelli unti e il suo gusto per il paradosso banale, facendo sembrare il più impresentabile degli interlocutori leghisti un fulgido esempio di concretezza e rigore; un giornalista un po’ scarso, sempre a seguire la moda del momento (da Obama in giù) ma sempre un passo più indietro rispetto agli altri, senza mai uno scatto di originalità.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci